In questo inizio anno il governo cerca di dare continuità a una serie di misure prese già nel 2020, all’inizio l’emergenza Covid. Dal blocco dei licenziamenti alla cassa integrazione e agli incentivi per nuove assunzioni, ecco i principali interventi in materia di lavoro.

Blocco dei licenziamenti

La legge di Bilancio 2021 estende al 31 marzo il blocco dei licenziamenti per motivi economici. Fino a quella data, il datore di lavoro, indipendentemente dal numero dei dipendenti, non può recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo e restano sospese le procedure in corso.

Tali sospensioni e preclusioni non si applicano nel caso di licenziamenti motivati dalla cessazione definitiva dell’attività dell’impresa, conseguenti alla messa in liquidazione della società senza continuazione, anche parziale, dell’attività, nei casi in cui nel corso della liquidazione non si configuri la cessione di un complesso di beni o attività che possano configurare un trasferimento d’azienda o di un ramo di essa o nelle ipotesi di accordo collettivo aziendale, stipulato dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative.

Cassa integrazione

La legge di Bilancio 2021 consentirà ai datori di lavoro di presentare domanda di concessione della cassa integrazione ordinaria, dell’assegno ordinario e della cassa integrazione in deroga per una durata massima di ulteriori 12 settimane. Le 12 settimane devono essere collocate nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 e il 31 marzo 2021 per i trattamenti di cassa integrazione ordinaria, e nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 e il 30 giugno 2021 per i trattamenti di assegno ordinario e di cassa integrazione salariale in deroga.

Rinnovo dei contratti a tempo determinato

È prorogato fino al 31 marzo 2021 il termine fino al quale i contratti a tempo determinato possono essere rinnovati o prorogati – per un periodo massimo di 12 mesi e per una sola volta anche in assenza delle condizioni previste:

  • esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività;
  • esigenze di sostituzione di altri lavoratori assenti;
  • altre esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili dell’ordinaria attività.

           

Garanzia di occupabilità dei lavoratori

Viene promosso il programma nazionale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali “Garanzia di occupabilità dei lavoratori” (GOL), per incentivare l’inserimento nel mondo del lavoro dei beneficiari del reddito di cittadinanza, dei disoccupati percettori di Naspi, dei lavoratori in cassa integrazione in transizione attraverso politiche attive basate sulle specifiche esigenze.

Lavoratori fragili e con disabilità

Il governo ha prolungato fino al 28 febbraio 2021 le misure a tutela dei lavoratori fragili e dei lavoratori con disabilità grave (introdotte già dal decreto Cura Italia) con equiparazione del periodo di assenza dal servizio al ricovero ospedaliero e previsione dell’esercizio dell’attività lavorativa in smart working anche attraverso l’adibizione a diversa mansione ricompresa nella medesima categoria o area di inquadramento o lo svolgimento di specifiche attività di formazione professionale anche da remoto.

Incentivi per l’assunzione di giovani e donne

Attraverso la legge di Bilancio 2021 si vuole incentivare l’occupazione giovanile stabile. Per le nuove assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato effettuate nel biennio 2021-2022, verrà riconosciuto un esonero contributivo nella misura del 100%, per un periodo massimo di 36 mesi, nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui, in riferimento ai soggetti che alla data della prima assunzione incentivata non abbiano compiuto il trentaseiesimo anno di età.

Per assunzioni in sedi produttive ubicate in Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna, l’esonero viene esteso ad un periodo massimo di 48 mesi. Lo stesso incentivo è previsto per l’assunzione di donne che comporti un incremento occupazionale netto. Previsto anche un incremento pari a 50 milioni di euro del Fondo finalizzato a sostenere il rientro al lavoro delle madri lavoratrici.

Viene istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del Fondo per il sostegno della parità salariale di genere per interventi finalizzati al sostegno e al riconoscimento del valore sociale ed economico della parità salariale di genere e delle pari opportunità sui luoghi di lavoro con una dotazione di 2 milioni di euro annui a partire dall’anno 2022.

Sostegno per le categorie in difficoltà

Le misure di sostegno del reddito per i lavoratori dipendenti delle imprese del settore dei call center vengono prorogate per l’anno 2021 nel limite di spesa di 20 milioni di euro. Vengono introdotti anche sostegni per i lavoratori della pesca che sospendono o riducono l’attività lavorativa a causa dell’emergenza sanitaria.

È istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali il Fondo per il sostegno al reddito dei lavoratori delle aree di crisi industriale complessa, con una dotazione di 10 milioni di euro per l’anno 2021, finalizzato garantire la prosecuzione degli interventi di cassa integrazione guadagni straordinaria e di mobilità in deroga nelle aree individuate dalle Regioni per l’anno 2020, ma non autorizzate per mancanza di copertura finanziaria.

È ampliata la platea dei beneficiari dell’indennità pari al trattamento dell’ultima mobilità ordinaria percepita dai lavoratori della regione Campania che hanno cessato la mobilità ordinaria dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2016, fino al 31 dicembre 2021.

È prevista la facoltà per il 2021 per le pubbliche amministrazioni di assumere, anche con contratti di lavoro a tempo parziale, lavoratori impegnati in attività di pubblica utilità impiegati al 31 dicembre 2016.

 

About the author : OpusJob

Leave A Comment